*IN ANTEPRIMA PER VOI…IL TEMA SULLA LIBERTA’*

*IN ANTEPRIMA PER VOI…IL TEMA SULLA LIBERTA’*

Ognuno di noi possiede un bene prezioso, un qualcosa che è quasi indispensabile per la nostra vita, l’elemento fondamentale che condiziona, in qualche modo, la nostra quotidianità: la libertà. Purtroppo, spesso ci rendiamo conto di possedere questo bene solo quando lo perdiamo, per un motivo o per un altro. E pensare che questa nostra libertà, che a noi oggi sembra una cosa dovuta, scontata, a volte misera, è costata nel corso della storia la vita ed il sacrificio di milioni e milioni di persone. Quante guerre, quanti intrighi, tradimenti, quante ingiustizie in nome della libertà. Quante persone non hanno mai potuto dire di essere liberi, di possedere questo bene prezioso, tanto sognato e agognato; e oggi? Che cos’è la libertà? Cosa rappresenta per l’odierna società? Quanto vale per noi? Poco, almeno a quanto sembra. Libertà, oggi, per molti significa “fare quello che si vuole”, essere liberi DA condizionamenti, liberi DAll’influenza di chi ci sta vicino, liberi DA questo e DA quello. Che fine hanno fatto la libertà DI esprimersi e DI lasciare spazio agli altri? Forse la cosa più grave è il fatto che ora non si è nemmeno liberi DI sentirsi liberi! Siamo tutti condizionati dalla moda, da tante cose che ci vengono imposte da non si sa bene chi, e se non siamo come gli amici, la massa, se non assomigliamo a chi detta i canoni della moda (e si sa che la moda è legge) non siamo nessuno. In questa società in balia del consumismo e di altre “piaghe sociali”, dove tutti predicano la libertà, chi è libero davvero? Forse gli unici che possono dire di esserlo siamo noi ragazzi, noi studenti. Mi spiego: la scuola è una delle poche cose che in un prossimo futuro ci darà la possibilità di essere liberi davvero. Il motore della libertà e dell’evoluzione, della crescita personale e sociale, per me è l’istruzione. Anzi, forse sarebbe più appropriato parlare di “cultura”, perché se dietro i bei voti non ci sono una conoscenza e, soprattutto, una coscienza che abbracci ogni campo della vita, allora la nostra libertà viene meno. Sembra assurdo dire questo, ma la storia ci insegna che l’oppressione dei popoli è causata da un basso grado di istruzione. Quei pochi eletti detentori della cultura, invece, riescono sempre a cavarsela, perché essa è la cosa a cui tutti possono sempre appellarsi. La cultura una volta che ce l’hai non te la può togliere nessuno. Questo è l’aspetto ideologico della questione. Passiamo al lato “pratico” della vita: con un’adeguata preparazione oggi, posso diventare quello che voglio domani. Se tutti facessimo così, se mettessimo un po’ di buonsenso e buona volontà in quello che facciamo, probabilmente il mondo sarebbe un posto migliore. Questo, penso, è un giusto modo per conseguire la nostra libertà, quel bene così prezioso, e di mostrare la nostra gratitudine verso coloro che per lei e per noi si sono sacrificati. 

Vi è piaciuto? Commentate (almeno stavolta XD)

[*°+._.+°*Micetta*°+._.+°*]

*IN ANTEPRIMA PER VOI…IL TEMA SULLA LIBERTA’*ultima modifica: 2008-04-06T14:58:03+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “*IN ANTEPRIMA PER VOI…IL TEMA SULLA LIBERTA’*

  1. come hai detto tu, è giusto e sacrosanto, la scuola diffonde la libertà attraverso, come hai detto nel tuo tema, l’istruzione e la capacità di capire le situazioni di vita e quindi gestirle nel modo migliore, ma secondo me la libertà è un concetto che oggigiorno, non si può fisicamente vedere, ci sono dei mezzi termini, per essere davvero liberi secondo me, si deve essere da soli nel mondo. Perchè se è vero che la nostra libertà FINISCE dove comincia lo spazio di un’altro individuo, persona o animale che sia, questo dà un limite alle nostre possibilità, e quindi non è una libertà “piena”. Certamente, con questo discorso qui non si potrà mai arrivare a un’idea di collettivo felice, pacifico e libero, ma a una sola persona sola, triste, però LIBERA.
    Bellissimo tema comunque…
    Ferny

  2. come hai detto tu, è giusto e sacrosanto, la scuola diffonde la libertà attraverso, come hai detto nel tuo tema, l’istruzione e la capacità di capire le situazioni di vita e quindi gestirle nel modo migliore, ma secondo me la libertà è un concetto che oggigiorno, non si può fisicamente vedere, ci sono dei mezzi termini, per essere davvero liberi secondo me, si deve essere da soli nel mondo. Perchè se è vero che la nostra libertà FINISCE dove comincia lo spazio di un’altro individuo, persona o animale che sia, questo dà un limite alle nostre possibilità, e quindi non è una libertà “piena”. Certamente, con questo discorso qui non si potrà mai arrivare a un’idea di collettivo felice, pacifico e libero, ma a una sola persona sola, triste, però LIBERA.
    Bellissimo tema comunque…
    Ferny

  3. E’ giusto e sacrosanto quello che hai detto nel tuo tema, la scuola diffonde la libertà attraverso l’istruzione, aiutandoci quindi a risolvere dei problemi di vita quotidiana, ma bisogna anche pensare che il concetto che si ha oggi della libertà, è una specie di mezzo termine, nessuno ha una libertà veramente piena al giorno d’oggi. Se è vero che la nostra libertà FINISCE, dove inizia quella altrui, di persona o animale che sia, possiamo allora dire che la nostra libertà ha un limite. Ovviamente il mio discorso non è applicabile ha una società, un colletivo, perchè un insieme di persone potrà essere felice, in una situazione di pace, ma mai completamente libero; se invece parliamo di un essere singolo, potrà essere triste, solo MA davvero libero.
    by Ferny
    p.s. è molto bello il tuo tema!!!

  4. micetta ma come fai a fare questi romanzi !!!!! è bellissimo e questa è solo una parte come hai detto tu !non vedo l’ora di leggerlo tutto !
    un saluto a tutti e alla prof. in paticolare che non vediamo più da tanto

I commenti sono chiusi.